Pisa Book Translation Awards

Il premio che celebra la letteratura in traduzione.

Prima edizione

I Pisa Book Translation Awards nascono nel 2021 in collaborazione con il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa. Lo scopo del premio è quello di valorizzare il prezioso contributo dato dalle traduttrici e dai traduttori alla diffusione delle conoscenze e, allo stesso tempo, di testimoniare la ricchezza e la vitalità della piccola editoria indipendente italiana.

Premio Traduzione

Il Premio traduzione è riservato alle case editrici indipendenti, che possono partecipare con un loro titolo di narrativa pubblicato in traduzione italiana nel 2019-2020.

Premio alla Carriera

Il riconoscimento viene assegnato a personalità del mondo della traduzione e dell’editoria che abbiano contribuito in modo significativo alla diffusione e alla valorizzazione di una letteratura straniera in Italia con i suoi autori.

Il Premio alla carriera 2021 è stato assegnato a Bruno Mazzoni, che il 2 ottobre 2021, durante la cerimonia di premiazione, ha tenuto una lectio magistralis sull’arte del tradurre.

La vincitrice del premio alla traduzione 2021

Sonia Piloto Di Castri_squared

Sonia Piloto Di Castri

per la traduzione di Bernardo Atxaga, Obabakoak, 21lettere, 2020 (ed. originale basca 1988)

Ispanista e consulente editoriale, si occupa di letteratura e cultura iberoamericana. È nata a Torino, dove attualmente risiede dopo un’intensa vita di viaggi. Ha tradotto e fatto conoscere in Italia molti dei maggiori scrittori di lingua spagnola, da Vázquez Montalbán a Bernardo Atxaga.
«La traduzione di Sonia Piloto Di Castri rende, con precisione e sensibilità, le molteplici sfumature della lingua di Atxaga, restituendola in tutta la sua ricchezza immaginifica». 

La giuria dei T Awards

I finalisti 2021

Stefano Musilli

per la traduzione di Martin Michael Driessen, Fiumi, Del Vecchio Editore, 2020 (ed. originale olandese, 2016)

Nato a Roma nel 1987, insegna traduzione dal neerlandese all’Università di Trieste ed è tutor linguistico all’Università di Bologna. Per Del Vecchio ha già tradotto Padre di Dio di Martin Michael Driessen (2015) e La vergine olandese di Marente de Moor (2019). Tra gli altri suoi autori, Herman Koch, Etty Hillesum, Inge Schilperoord, Rodaan Al Galidi, H.M. van den Brink. Collabora con «Internazionale».
«I tre racconti che compongono Fiumi  tracciano un quadro unitario all’interno del quale l’autore descrive un’umanità segnata da profonde ferite, ma anche desiderosa di riscatto. È questa la realtà che la prosa di Driessen delinea con chirurgica precisione e che la traduzione di Stefano Musilli ci consegna nella sua estrema lucidità». 

La giuria dei T Awards

Sydney Vicidomini

per la traduzione di Grigorij Služitel, Il mondo secondo Savelij, Francesco Brioschi Editore, 2020 (ed. originale russa, 2019)

Nata a Nocera Inferiore nel 1985, vive a Mosca, dove è coordinatrice didattica in una scuola di lingue. Ha studiato Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Salerno e la University of Kent. Recita in programmi per bambini e insegna recitazione in lingua straniera ai più piccoli. Ha esordito come traduttrice letteraria con Il mondo secondo Savelij di Grigorij Služitel’, edito da Brioschi.
«La traduzione di Sydney Vicidomini mantiene, senza cedimenti o sbavature, il tono ironico e delicato dell’originale, come pure il ritmo di una prosa semplice ma molto coinvolgente».

La giuria dei T Awards

La nostra fantastica giuria

“Tradurre è il vero modo di leggere un testo” (Italo Calvino). 

Roberta Ferrari

Presidente 

Insegna Letteratura inglese presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa. Svolge attività didattica nel Corso di Studi in Lingue e Letterature Straniere e nei Corsi di Laurea Magistrale in Letterature e Filologie Euro-americane e in Linguistica e Traduzione.

Alberto Casadei

Giurato

Insegna Letteratura italiana presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica all’Università di Pisa. Ha pubblicato numerosi lavori sulla letteratura italiana del Cinquecento e del Novecento. Di particolare rilievo sono i suoi recenti studi danteschi. È condirettore della rivista «Italianistica».

Roberta Cella

Giurata

Insegna Linguistica italiana e Storia della lingua italiana al Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa; presiede il Corso di laurea magistrale in Linguistica e Traduzione. È condirettrice della collana «Italiano d’autore» e della rivista «Italiano a scuola».

Lucia Della Porta

Giurata

Ha lavorato come interprete di simultanea presso la Commissione Europea a Bruxelles e in Italia come freelance. Nel 2003 ha fondato il Pisa Book Festival, fiera dedicata all’editoria indipendente. Nel 2008 ha fondato con il fratello Ignazio la casa editrice Della Porta Editori specializzata in saggistica storica. 

Enrico Di Pastena

Giurato

Insegna Letteratura spagnola all’Università di Pisa. I suoi principali ambiti di studio riguardano il teatro spagnolo dei Secoli d’Oro e il teatro moderno e contemporaneo. Ha tradotto opere di Leopoldo Alas e García Lorca. È condirettore della rivista internazionale «Anuario Lope de Vega» e dirige la collana teatrale «La maschera e il volto».

La cerimonia di premiazione dei T Awards 2021

Sei una casa editrice indipendente? Partecipa alla nuova edizione

X
X