Ritorna il Pisa Book Festival, salone dell’editoria indipendente

Si alza il sipario sul Pisa Book Festival, l’appuntamento tradizionale con l’autunno dei libri e con il meglio dell’editoria indipendente.
pisa-book-festival
“Abbiamo lavorato con impegno e passione – afferma Lucia Della Porta, ideatrice e direttrice del Festival – e ora siamo pronti a goderci questa bellissima fiera con il suo straordinario programma culturale. Ci auguriamo che anche quest’anno gli editori e i visitatori trovino la migliore accoglienza possibile. Il Palazzo dei Congressi, con la sua capacità organizzativa, ha dato prova di essere all’altezza di un evento di portata nazionale. D’altronde Pisa si merita di avere il suo salone del libro”.
La prima novità di questa sedicesima edizione sarà proprio la sua inaugurazione, che quest’anno parte dal cuore di Pisa, sotto il Palazzo del Comune. Da qui, a bordo del Pisa Book Train, messo a disposizione dal Festival e che potrà essere utilizzato dai visitatori della rassegna per raggiungere il Palazzo dei Congressi, il sindaco di Pisa, Michele Conti, la direttrice del Festival, Lucia Della Porta, e alcuni rappresentanti delle istituzioni cittadine raggiungeranno insieme ai giornalisti e ai visitatori che vorranno unirsi al “convoglio” la sede della rassegna, dove avverrà il tradizionale taglio del nastro.
Fra le grandi novità di questa edizione l’atteso focus sulla poesia, sulla scia dei versi immortali dei grandi autori di ogni epoca e di quelli dei più rappresentativi poeti contemporanei. La poesia sarà di casa al Festival sin da venerdì 9, con Valerio Magrelli e il suo meraviglioso viaggio sentimentale nel Millennium Poetry (Emons Audiolibri), una passeggiata fra i versi che hanno segnato la storia della letteratura mondiale.
valerio_nardoni
La poesia torna protagonista la sera di venerdì per un particolare “fuori Festival” alla Scuola Normale Superiore. “Nuda canta la notte” è lo speciale tributo a García Lorca per i 120 anni dalla sua nascita, che si terrà nella Sala Azzurra della Normale, con un recital in doppia lingua di Juan Carlos Reche, direttore dell’Istituto Cervantes di Roma, e Valerio Nardoni e i versi messi in musica e cantati da Selena Simonatti. L’evento sarà introdotto da Simone Fanti, giornalista del Corriere della Sera, e da Vincenzo Barone, direttore della Scuola Normale.
Sabato sarà il poeta e drammaturgo Tiziano Scarpa a toccare l’animo dei lettori con Senti, ti dico una cosa che preferirei non dire, recital di poesie tratte dalla sua raccolta Le nuvole e i soldi, alternate alle storie in rima del suo ultimo libro Una libellula in città; domenica Claudio Pozzani, direttore del Festival della poesia di Genova, insieme ai poeti Maria Attanasio, Ennio Cavalli e Milo De Angelis cercherà di rispondere alla domanda C’è ancora tempo per la poesia? Con la partecipazione straordinaria di José Maria Micò, poeta e traduttore della Divina Commedia in spagnolo, ci sarà inoltre la presentazione della videoantologia della poesia spagnola contemporanea (Valigie Rosse).
La poesia incontra la musica nello speciale evento in programma domenica e dedicato alla produzione dell’indimenticabile poeta dalla “voce di rasoio”, Leonard Cohen: Silvia Albertazzi leggerà brani dal suo Leonard Cohen, manuale per vivere nella sconfitta (PaginaUno Edizioni) mentre Dany Greggio suonerà le cover dell’indimenticabile cantautore. Sempre domenica arriva la cantante Nada, che leggerà brani da Leonida, il suo quarto romanzo e primo audiolibro uscito per Emons Libri e Audiolibri.
Sull’esempio della Spagna, Paese ospite d’Onore del Pisa Book Festival, la Regione Toscana si appresta a siglare il Patto per la Lettura, all’interno del progetto “Leggere in Toscana”, che riconosce nella lettura “una risorsa strategica su cui investire, un valore sociale e civile da sostenere, e finalizzato ad ampliare il pubblico dei lettori consolidando l’abitudine a leggere fin dalla nascita e avvicinando coloro che non leggono”. Per far questo è stato creato un sistema di “alleanze” con biblioteche pubbliche, scuole, famiglie, librerie ed editori che coinvolge anche i pediatri e i medici di base, le associazioni e gli amministratori locali.
Venerdì sarà presentato Fomento a la lectura: l’impegno di Spagna e Italia per diffondere la cultura del libro, un importante incontro a cui parteciperanno i rappresentanti delle principali biblioteche della Toscana insieme a Monica Barni (Regione Toscana) e Juan Carlos Reche (Istituto Cervantes di Roma).
“Obiettivo della campagna – spiega l’assessore regionale alla Cultura, Monica Barni – è proporre ai cittadini occasioni di incontro con il libro e la lettura nell’accezione della bibliodiversità, ossia nel rispetto della diversità culturale applicata alla filiera del libro, quindi alla diversificazione della produzione editoriale a disposizione del lettore, comprensiva delle produzioni di editori indipendenti, e dell’offerta culturale. In questo senso la bibliodiversità sottolinea sia la dimensione centrale della libertà di scelta nella fruizione culturale, sia la missione della biblioteca pubblica di garantire l’accesso a un’offerta plurima, ampia e il più rappresentativa possibile dei prodotti editoriali, da parte di tutti, anche di coloro che sono a rischio di emarginazione sociale, come le persone disabili, malate, i migranti, i giovani, gli anziani, i detenuti”.
rosa-montero-pisa
La mattina di venerdì sarà densa di appuntamenti: alle 10 le letture animate di Il grillo del rosmarino e altre favole del bosco (Pacini Editore) con Chiara Cesetti; alle 11 il piccolo Filippo Di Biagio presenta Teste di zucca (Edizioni Creativa), mentre con Città Nuova Edizioni si va A caccia di notizie in un mini-laboratorio di giornalismo; alle 12 Rosa Montero, una delle voci più lucide della cultura spagnola contemporanea, incontra il pubblico con Enrico di Pastena (Università di Pisa) e alla stessa ora, Franco Sacchetti con All you seed is love (LEF) racconta il potere creativo della natura e Giulia Martini presenta Coppie minime, viaggio singolare tra un amore difficile, deserti veri e figurati, giochi linguistici.
Venerdì alle 12 incontro con il giornalista Simone Fanti, curatore del blog Invisibili del Corriere della Sera, e Andrea Spinelli, autore di Se cammino vivo (Ediciclo), per lo speciale evento Disabilità in scena: alla ricerca di una vita spericolata e senza barriere, organizzato in collaborazione con la Fondazione Dopo di Noi.
Si riprende alle 14 con l’illustratrice Arianna Papini, Francesco Ferrucci, vincitore del Premio Strega ragazze e ragazzi 2017, e Lola Barcelò, direttrice di Kalandraka Italia, che presentano il nuovo canale televisivo online; alle 15 si parla di “Libri in simboli” con Gerardo Mastrullo (La Vita Felice) e Antonio Bianchi, formatore del centro zonale di comunicazione aumentativa di Milano e Verdello; al Repubblica Caffè i giornalisti Fabio Galati e Laura Montanari intervistano Stefano Tofani, autore di Fiori a rovescio; musica a tutto campo nel mini-evento di presentazione di Pisa e la musica: 1965-1999. Quarant’anni di musica a Pisa (Eclettica) con Andrea Pannocchia, Luca Doni e Carlo Raffaelli.
Pomeriggio fitto dalle 15 con le meraviglie della botanica raccontate da Giulio Giorello e Pier Luigi Gaspa; alle 16 si celebra l’anniversario della nascita della scrittrice scozzese Muriel Spark e con il dibattito sul “Romanzo ai tempi dei Big Data” si inaugura la rubrica Made in Tuscany di Vanni Santoni; alle 17 spazio ai casi di cronaca e ai misteri con Il mostro di Firenze. Ultimo Atto di Gianluca Monastra e Alessandro Cecioni, con Giuseppe Meucci, e Moro, il caso non è chiuso. La verità non detta (Edizioni Lindau) presentato dall’autore Giuseppe Fioroni e da Andrea Pertici; si parla di Calcio, donne e veleno: chi sarà il vincitore? (Goalbook Edizioni) con Nicola Binda, Chiara Danese e Chiara Cini. Alle 18 conversazione con Vincenzo Barone, direttore della Scuola Normale, e Michele Ciliberto sul tema “Per un nuovo Umanesimo. Oltre le due culture”; tra gli eventi anche l’incontro con Simone Lenzi che parla di Esilio e le presentazioni “Come scoprire la poesia che sta sotto le tavole di uno degli artisti più visionari del Novecento” a cura di LibriVolanti e Raccontare il Sud (Città Nuova Edizioni) di Sergio Nazzarro.
X