Giulietta Bracci Torsi

Giulietta Bracci Torsi è toscana, ma per linea paterna possiede una vena di “inglesità”, derivatale da un antenato, tale Thomas Rook, fantino, allevatore e fondatore del centro ippico di San Rossore a Pisa, a metà Ottocento. Forse, grazie a questo, ha sviluppato un “feeling” per la cultura anglosassone che l'ha spinta a laurearsi in letteratura inglese a Pisa, a soggiornare in Inghilterra per un periodo e in seguito in Francia. Dopo la laurea, ha collaborato con svariate case editrici come lettrice e correttrice di bozze di saggistica (Bur/Rizzoli, Mondadori, Giunti Editore, Instar Libri) e ha scritto per quotidiani e riviste (Dove, Economia Immobiliare, il Tirreno, la Nazione, Latitudeslife). In seguito ha lavorato nella formazione sia aziendale (Assessor, Core Consulting) sia scolastica (Progetto Socrates, Ministero della Ricerca e della Pubblica Istruzione). Attratta dagli sviluppi delle tecnologie e dai cambiamenti che queste innescano nella società, ha seguito nel 2018 il corso “Raccontare la scienza” alla Scuola Holden a Torino.

Dal 2018 collabora con il Pisa Book Festival, dove cura la sezione Scienza e Natura.

Quest'anno sono in programma quattro incontri:

Venerdì 8 novembre ore 15:00 Arena Pacinotti
Corrado Dalmonego: Amazzonia. Gli Yanomami e il mondo degli altri (EMI).

Sabato 9 novembre ore 10:00 Arena Fermi
Paolo Ciampi: L'ambasciatore delle foreste (Arkadia).

Domenica 10 novembre
ore 10:00 Arena Pacinotti
Future Fiction: Come gli scrittori di fantascienza interpretano una delle grandi emergenze del nostro tempo. Con Francesco Verso.
ore 15:00 Book Club
Franco Faggiani: Il guardiano della collina dei ciliegi (Fazi Editore).

wp ecommerce - e-commerce wordpress