Contatti Contatti

La fiera dell'editoria indipendente #savethedate 11-12-13 novembre 2016


DSC_0828Pisa is locked in the collective European imagination in a little box marked ‘home of the Leaning Tower,’ so part of the task facing not only the civic authorities but anyone who delights in the riches has to offer is to inform intending visitors that there is more to the city than this one curiously beautiful building, to tell them that the city on the Arno is itself a monument to European, not only Italian, culture, that it was the birthplace of Galileo, that it is a city of great beauty, that it houses charming churches and splendid palaces, as well as the celebrated space which admiring observers down the centuries have called the Piazza of the Miracles, where alongside the Tower there stand such glories of European architecture as the Cathedral, the Baptistery and the awesome cemetery with its magnificent frescos.

And now the city is also the home of a major, annual cultural event, the Pisa Book Festival (PBF), established by the Della Porta publishing house. The event, a mixture of literary gathering and commercial publishing fair, is now in its thirteenth year and has grown to become the third largest in Italy. The figures proclaimed on the posters are impressive – 200 publishers, 150 guests, 300 events and 100,000 books on display. It has often struck me as curious that while Britain has several literary festivals, it has few literary prizes, while Italy has many literary prizes but few literary festivals, although the number of literary festas in Italy is growing. Such events allow readers to meet their favourite writers, and permit intellectuals, littérateurs as well as authors of works on cuisine, politics or history to gather and debate events and ideas. The best festivals operate in a context which is truly international, opening up horizons and encouraging the cross-fertilisation of cultures.

None does this better than the PBF. It is the practice of Lucia Della Porta, publisher and PBF organiser, to invite a guest country each year, Germany two years ago, Scandinavia last year and this year la Scozia. Seven Scottish writers arrived in November 2015 to make their own works and the culture of Scotland better known to audiences in Pisa, but also to broaden their own mental cosmos and to meet their Italian counterparts. For an intense weekend of formal seminars and informal discussions in bars and caffès, a Scottish posse consisting of well established writers such as Allan Massie, James Robertson and Ewan Morrison, emerging youthful writers such as Kirsty Logan and Jenni Fagan, the children’s writer and book illustrator, Ross Collins, and the unclassifiable Donald Murray listened, lectured, read, criticised, argued, answered, took note, pondered and invited reflection among those who attended their sessions. They also learned about common problems that they and Italian writers had to face and resolve. Allan Massie and Dacia Maraini, for example, writers of the same generation but of differing political views, discussed and agreed about the challenges of writing historical fiction. Ross Collins fostered and encouraged the artistic skills of local school children who copied his work and learned from his technique. A room in the eighteenth-century Palazzo Blu had been given over to him for an exhibition of his wild, free-roaming, extravagant work, created as colourful illustrations for children’s books.

These and other meetings provided the opportunity to examine links between Scotland and Italy inside or outside a common European residence, and to display something of the distinctiveness of the Scottish way of thought and life, where they are distinct. Judging by the number of visitors who in July and August leave the blue skies of Italy for the grey clouds of Scotland, it appears that Scotland is of interest to Italians, but what is the common perception of Scotland? The kilt, whisky, the lochs and rugged landscape as well as a particular kind of music are certainly part of any image, so it was appropriate that the first sound of Scotland at the opening of the festival was produced by the Royal Highland Company of Pipes and Drums, a grand title which conceals a quartet of Florentines, two pipers and two drummers, bedecked in kilts but looking more like the traditional flag-wavers who enliven ceremonial occasions in Tuscan towns.

There are demanding issues in Scotland’s public life today, and these were fully aired. Scotland the Brave was one of the tunes the pipers and drummers played as they marched around the festival venue, but while Scots may be brave in song, they are divided in debate. Questions of language, or dialect, matter profoundly to writers from both Italy and Scotland, but questions of social, historical and political identity are not only separate in themselves but are debated from different premises. With gusto and spirit, the Scottish contingent seized the opportunity to discuss their own work and vision, but also to give a glimpse of the culture of a country which is, after the referendum, more prominent in the public mind than it has been in centuries, but is, to the bemusement of Italians, torn between competing loyalties to the Scottish and British dimensions of public life.

In his crisp, trenchant or controversial, introductory address, Allan Massie recalled that in the course of the referendum campaign, he had been asked if he viewed himself as a Scottish or British writer. Both, he replied but also English, since that was the language in which he wrote. He even wondered if there was much sense in talking about a national culture at all, taking his example from America in the interwar years, where Scott Fitzgerald and William Faulkner were contemporaries but were motivated by divergent notions of the American dream. For Massie, Scott remains the finest of Scottish novelists, but he drew attention to the fact that he, like R L Stevenson in Kidnapped and Catriona, dramatises the theme of the clash of civilisations inside Scotland.

He could have found examples about the coherence or otherwise of a single national literature in the group from Scotland. He and James Robertson, excellent writers although both are, scarcely see eye to eye on any question of politics, nationality or history. Robertson caught the audience’s attention with his discussion of the Lockerbie tragedy, the subject of his last novel, The Professor of Truth. ‘Fiction can reveal truths that history cannot,’ he suggested, and since Italy in recent decades has seen certain troubling, mysterious disasters which were never fully resolved, they warmed to his warning against allowing holders of power to shape the narrative that is then given out as established truth. He also illuminated the incisive view of Scottish history presented by other works of his, most notably And the Land Lay Still.

There was no representative of the ‘tartan noir’ school of crime writing present, although several of their works are available in Italian, and William McIlvanney’s voice was heard in a pre-recorded interview. A Tuscan publisher, PaginaUno, has published translations some of his books by Carmine Mezzacappa, and as a spin-off for the festival now plans a series of contemporary Scottish fiction. The 2015 PBF may leave a deep trace if certain other planned translations of work by Massie, Robertson and Donald Murray do come to fruition. Scotland is, in Italy at least, more firmly ensconced in the general awareness than was the case even recently, when it was customary to talk only of English literature, with supposed regional variations. James Robertson opened a new vista with his assertion that Scottish writers alive at the fin de siècle had created four characters who had broken free of national moorings to enter into a wider international consciousness. His talk was on Stevenson’s Jekylland Hyde, and his readings were paired by those given by an Italian writer. Robertson’s aim was to underline the cross-national appeal of the novel, and the other characters he indicated as having crossed national borders were Jekyll/Hyde himself, Peter Pan, Sherlock Holmes and Long John Silver, the latter as the very incarnation of the pirate. Pinocchio has the same international status, said a helpful listener.

The worry was that Scottish outlooks and concerns would be merely bizarre to an audience of cultural strangers but, as Jenny Fagan put it, explaining the title of her own novel, The Panopticon, we all inhabit a panopticon nowadays, and the view inside and out has a great deal in common. Maybe the task was easier for the younger writers, who inhabit a cosmos which grows increasingly more narrow, where differences in dress, habits of mind and of consumption tend to diminish. Ewan Morrison said he tried to write his novels as though they were filmscripts without actors, that he had found the films of Michelangelo Antonioni an inspiration, and had read all he could find of Alberto Moravia, who shared his obsession with sex and Marxism. Kirsty Logan’s post-apocalyptic novel, The Gracekeepers, taps into a contemporary taste for fantasy, but she was also at pains to stress that behind her depiction of a planet largely under water there lay ecological concerns for the future of the planet.

While critics and pundits will search for underlying themes which supposedly bind festivals into a seamless whole, most people’s memory will be of individual vivid scenes and encounters. No imaginative vision or style of life could have been more distant from the experience of urban Italians than that of Donald Murray, a native speaker of Gaelic, born on Lewis, now resident in Shetland and author of a recent book entitledHerring Tales. Food is of universal interest, but not necessarily the consumption of puffins, or indeed herrings. Murray enthralled the Pisan public as he spoke about the centrality of the herring, unknown in Mediterranean waters, to the cuisine and culture of peoples around the North Sea, but produced the same effect when he turned to the Italian Chapel on Orkney, recited an erotic poem about love-making on St Kilda, broke into the Gaelic psalm his father sang as he sat at the loom, and debated with a Corsican poet about the prospect of their languages.

The various sessions represented the point where the national morphed into the international, and gave substance to a line from Pasolini quoted early in proceedings. ‘Truth does not lie in one dream alone, but in many dreams.’ There were dreams galore in Pisa, and no nightmares.

Joseph Farrel

© 2015, Joseph Farrel. Tutti i diritti riservati.

IMG_6381La lettura è apertura verso nuovi mondi: è stata questa la parola d’ordine del Festival. Quest’anno abbiamo aperto una finestra sul mondo della letteratura scozzese, con alcuni degli scrittori più importati del panorama letterario del paese, e con Nick Barley, direttore del prestigioso Festival di Edimburgo, il più grande evento letterario a livello mondiale.

Il Pisa Book Festival n. 13 ha avuto uno straordinario afflusso di pubblico: oltre 25.000 persone tra giovani, adulti e bambini hanno seguito con partecipazione gli incontri e hanno affollato gli stand degli editori, dando conferma che il Festival è una vetrina d’eccezione per l’editoria indipendente.

Quest’anno abbiamo puntato sui giovani e molti eventi sono stati organizzati pensando a loro, ai loro gusti letterari e alle loro preferenze. Il pubblico di questa edizione ci ha seguito con una attenzione e un affetto che ha superato ogni aspettativa e che ci sprona a fare ancora meglio per l’edizione 2016.

La Scozia Paese Ospite d’Onore, presente con una delegazione di 8 scrittori e un illustratore, Ross Collins (in mostra le sue illustrazioni a Palazzo Blu fino al 14 febbraio), ha offerto al pubblico l’occasione di conoscere autori di fama internazionale, ma alcuni dei quali poco noti al pubblico italiano. Non solo La Scozia, quest’anno hanno presentato i loro libri anche ospiti francesi, inglesi, marocchini, angolani, bosniaci, e molti altri (Miguel Bonnefoy, Fouad Laroui, Saša Stojanović, Anthony Cartwright, Ondjaki, per citarne solo alcuni).

Segno che il PBF è diventato una vetrina importante per l’editoria indipendente sono le anteprime nazionali: Dacia Maraini, Marco Malvaldi, Marcello Fois, Jean-Christophe Bailly, Ondjaki e Martin Michael Driessen, che hanno presentato i loro libri davanti a un pubblico interessato ed entusiasta.

Partecipazione attiva e commossa negli incontri dedicati ai libri contro le mafie, coordinati da Candida Virgone, in collaborazione con Trame Festival di Lamezia Terme, durante i quali sono stati presentati i libri Mafia Capitale di Gaetano Savatteri, Catania Bene del magistrato Sebastiano Ardita e l’inchiesta scottante sul caso Siani, Il caso non è chiuso di Roberto Paolo.

Dalle voci dei 150 editori presenti in fiera, intervistati in sala stampa, siamo stati felici di apprendere che Pisa si accredita come una delle più interessanti e soddisfacenti sia per la proposta di contenuti che per la vendita. Ricerca, qualità, cura e autonomia sono i cardini del lavoro dell’editore, punti fermi che garantiscono la bibliodiversità in un’epoca dominata dai grandi colossi editoriali. Le difficoltà che gli editori indipendenti si trovano ad affrontare oggi richiedono sempre più coraggio, professionalità e fiuto nello scouting, ed è per noi una soddisfazione sapere che la nostra manifestazione è di grande sostegno per dare risalto al loro lavoro e per avvicinare i loro autori ai lettori.

Hanno riscosso un notevole successo i reading in programma: Giulio Scarpati ha letto brani da L’anno della lepre di Arto Paasilinna e gli scrittori Luca Ricci e James Robertson hanno dato voce a The strange case of dr Jekyll and Mr Hyde di Robert Louis Stevenson con letture in italiano e in inglese.

Il Translation Day curato da Ilide Carmignani ha visto anche quest’anno la presenza di un folto pubblico di professionisti e studenti. Filo rosso degli incontri la traduzione della letteratura postcoloniale e della diaspora (Y. Melaouah, G. Girimonti Greco, L. Prandino), con incursioni nella poesia, grazie al Meridiano di Wallace Stevens (M. Bacigalupo), e negli albi illustrati per ragazzi (F. Novajra – AITI). Grande interesse hanno riscosso l’incontro con lo scrittore scozzese Ewan Morrison e la sua voce italiana (G. Marano) e la tavola rotonda sull’editoria indipendente con SUR, Del Vecchio, 66thand2nd e Gran Vía.

Si parla di indici di lettura bassissimi, e per questo abbiamo voluto investire e prenderci cura delle scuole. Quest’anno sono stati 9 gli incontri organizzati direttamente dalle classi dei licei e delle scuole medie pisane. Gli studenti stessi hanno presentato al pubblico scrittori del calibro di Marco Balzano, Premio Campiello 2015, Marco Santagata, Fouad Laroui, Gianluca Favetto Marco Vichi. Questi incontri rientrano nel progetto Io Leggo in Biblioteca che il Pisa Book Festival proseguirà durante tutto l’anno, secondo una collaborazione ben definita tra le biblioteche scolastiche e la Biblioteca Comunale.

Partecipazione Immaginazione Creatività sono le parole chiave del programma dedicato ai piccoli lettori della sezione Junior del Festival, alla quale da 13 anni dedichiamo una particolare attenzione.

In chiusura, vogliamo esprimere un sentito grazie a tutti coloro che hanno partecipato e che continueranno a seguirci nel corso dell’anno sul nostro sito, su Facebook, Twitter e Instagram. Sul canale YouTube potete trovare le interviste agli editori e agli autori presenti in fiera.

scotlandSarà la libreria Red – Feltrinelli di piazza della Repubblica ad ospitare la conferenza stampa del Pisa Book Festival mercoledì 21 ottobre alle ore 12:00. Nella libreria, che è ormai diventata un centro culturale importante per la città di Firenze, sarà presentato alla stampa e al pubblico dei lettori il ricco programma della tredicesima edizione. Nel panel dei presentatori la direttrice del festival Lucia Della Porta, Andrea Ferrante, assessore alla cultura del Comune di Pisa e Claudio Pugelli, presidente della Fondazione Pisa, le due istituzioni che sostengono e promuovono l’iniziativa. Parlerà anche Marinella Pasquinucci, vice-presidente della Fondazione Palazzo Blu che allestirà, in collaborazione col Festival, la mostra dell’illustratore scozzese Ross Collins, con la quale si aprirà il sipario del Festival giovedì 5 novembre e che resterà aperta sino al 15 febbraio 2016.
Parleranno anche i giornalisti di “Repubblica” Laura Montanari, Fabio Galati e Gian Luca Monastra per illustrare il programma degli incontri organizzati da loro, che si terranno nel Caffè Letterario del Festival.
Vanni Santoni sarà presente come testimonial degli scrittori e lancerà la nuova rubrica del Festival – Made in Tuscany – della domenica mattina, dove intervisterà Francesco Recami, Luca Ricci e Giampaolo Simi per scoprire se esiste una ricetta toscana della scrittura.
La conferenza stampa servirà a fornire una bussola per orientarsi nel ricco programma dei tre giorni, dove altrimenti c’è il rischio di perdersi, tra anteprime, fiction e non fiction, eventi junior e laboratori, scuola per editori e scuola per scrittori, convegni per professionisti e seminari per traduttori, reading e incontri per le scuole. Servirà a capire quante e quali sono le collaborazioni che il Festival ha instaurato con attori culturali importanti come Leggendo Metropolitano, il Festival Trame, il Winterhuin e il Festival de la Fiction Francaise: un pezzetto del Festival è stato realizzato con loro. Ma su tutto il Festival soffia il vento dal Nord della Scozia che giunge a Pisa grazie al tenace impegno di Joseph Farrell e di Aly Barr e grazie al sostegno di Creative Scotland.

pisanuovositoFieri di essere indipendenti gli editori del Pisa Book Festival si presentano alla tredicesima edizione con la nuova grafica firmata Kidstudio, che affida ad un albero in mezzo al mare il compito di rilanciare lo spirito di indipendenza della manifestazione. Lo studio fiorentino rivoluziona l’immagine del festival con un nuovo logo dai colori accesi e crea un nuovo e originale font targato PBF. La rivoluzione si riflette anche sul sito curato dall’agenzia di comunicazione Sidebloom di Pisa.

Il cantiere è dunque aperto e si lavorerà intensamente nei tre mesi che mancano all’appuntamento di novembre. La segreteria organizzativa, affidata anche quest’anno alla società Evinco, ha già ricevuto le conferme da parte degli editori in catalogo nel 2014 e le adesioni dei nuovi editori. Il Palazzo dei Congressi metterà a disposizione, come per le passate edizioni, l’intera struttura e allestirà anche un ristorante esterno per poter accogliere gli espositori e il numeroso pubblico del festival.

La Scozia sarà l’ospite d’onore di questa edizione e interverrà con una folta delegazione di scrittori e artisti. Numerosi sono comunque gli ospiti internazionali grazie alle collaborazioni con il Wintertuin e con il Festival de la Fiction Française. Confermata anche la partnership con Trame, il festival dei libri sulle mafie, e con Leggendo Metropolitano di Cagliari.

Il programma completo sarà online a partire dal mese di ottobre anche se potrete trovare anticipazioni e novità su questo sito e sui nostri canali social.

Istituito dal Palazzo dei Congressi di Pisa e dal Gioco del Ponte, la prima edizione del premio è stata assegnata a Tomaso Montanari, storico dell’arte, docente all’Università Federico II di Napoli, noto al grande pubblico per le sue prese di posizione molto nette quando si parla di beni culturali. Durante la conversazione con Roberto Guiggiani che ha fatto seguito alla cerimonia di premiazione, il professor Montanari, che ha studiato a Pisa e si è perfezionato alla Scuola Normale Superiore, ha parlato degli argomenti che più gli stanno a cuore, ha parlato di musei e di patrimonio culturale. Ha parlato di musei che sono piazze del sapere, come le biblioteche, aperti al pubblico e alla vita quotidiana, i musei devono essere al servizio della società e del suo sviluppo. E ha parlato di patrimonio culturale, che è come l’altra lingua degli italiani e ne fanno parte il paesaggio, le opere d’arte, le biblioteche, gli archivi, i siti archeologici. Ed è questo patrimonio culturale che ci educa ad essere quello che siamo, che ci lega al nostro passato e allo stesso tempo ci permette di costruire il nostro futuro. E su questo futuro Montanari è stato ottimista, secondo lui esiste un’Italia possibile, dove si possa attuare un progetto di comunità basato sulla cultura. Il Premio, come ha detto Mario Faugno, responsabile del Palazzo dei Congressi, è stato assegnato a Montanari per il suo impegno critico e costruttivo a tutela del patrimonio artistico. Andate a leggere i suoi libri, da Istruzioni per l’uso del futuro a Le pietre e il popolo, entrambi editi da minimum fax, o seguitelo sul suo blog Articolo 9 su, e capirete che il premio è andato alla persona giusta.

Tomaso Montanari sarà al Pisa Book Festival ospite di Laura Montanari e Fabio Galati al Repubblica Caffè.
Roberto Guiggiani, da venticinque anni nel settore del turismo, ha di recente pubblicato il volume Vacanze Toscane per l’editore Primamedia.

Avevamo conosciuto il festival Trame al primo convegno delle Città del Libro, quello organizzato dal Centro per il Libro e la Lettura a Torino nel 2013. Era stata simpatia a prima vista, tra il festival degli irriducibili indipendenti e questo straordinario progetto nato nella città di Lamezia per portare alla ribalta i libri sulle mafie. Durante la scorsa edizione del Pisa Book Festival Armando Caputo, presidente della Fondazione Trame che organizza la manifestazione, aveva annunciato al pubblico pisano che era allo studio una qualche forma di collaborazione tra i due festival. Adesso a giugno Lucia Della Porta e Candida Virgone sono state a Lamezia, ospiti di questo incredibile festival, unico nel suo genere, e hanno avuto modo di apprezzare le capacità organizzative della squadra e il livello altissimo degli incontri.

Loro di Trame raccontano così l’edizione numero 5: quaranta ore di dibattito e di testimonianze, centoventi ospiti, dodici ore di proiezioni e video, sei ore di musica dal vivo, trenta lenzuoli realizzati da sei istituti scolastici lametini e 500 questionari compilati per tracciare l’identikit del pubblico di Trame. Numeri e ancora numeri, ma quelli di Trame, quei giovani favolosi che hanno lavorato a Lamezia hanno questa mania e hanno contato anche seicento sedie, millecinquecento bottiglie d’acqua, trecentocinquanta magliette, duecentoventi borse, venti chili di pasta preparata dalle suore dell’Oasi di San Francesco e novantaduemila chilometri percorsi dagli ospiti per raggiungere il festival.

Un pezzetto di Trame.5, piccolo ma significativo, arriverà a Pisa a novembre e andrà ad arricchire il programma culturale del festival con tre superbi incontri targati Trame.5 e qualcuno di quei giovani favolosi che hanno decretato il successo della manifestazione a Lamezia si unirà alla favolosa squadra del #Pisabookfest.13

Nel Maggio dei Libri il Pisa Book Festival annuncia il nuovo progetto che metterà sotto i riflettori della tredicesima edizione del festival le scuole e le biblioteche scolastiche. Saranno infatti le biblioteche ad organizzare gli incontri delle classi con l’autore scelto e a coordinare il prestito dei libri acquistati dal festival per la biblioteche iscritte. Per il momento il progetto è limitato alle scuole del territorio pisano che potranno iscriversi entro il 30 maggio inviando una email all’indirizzo

Capofila del progetto è la biblioteca dell’Istituto Tecnico Commerciale Pacinotti con la sua bibliotecaria Lisetta Ceccarelli che ha realizzato nella realtà della sua scuola il suo ideale di biblioteca, facendone un luogo di incontro, ma anche di sostegno e di impulso alla crescita degli studenti. “La biblioteca scolastica offre agli studenti la possibilità di acquisire le abilità necessarie per l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita, di sviluppare l’immaginazione, e li fa diventare cittadini responsabili”. Così recita il manifesto IFLA UNESCO sulle biblioteche scolastiche, Lisetta Ceccarelli ne è fermamente convinta e può essere fonte di ispirazione per chiunque abbia intrapreso questa professione. “Mi sono sempre immaginato il paradiso come una specie di biblioteca”, sulla porta della biblioteca del Pacinotti è affisso questo distico di Borges che potrebbe essere lo slogan del progetto #ioLeggoinBiblioteca del Pisa Book Festival.

Scrittori e studiosi sono invitati a sostenere il progetto: finora sono già scesi in campo Marco Santagata, il cui ultimo libro Come donna innamorata è finalista al premio Strega, e Marco Vichi, autore di racconti e romanzi, tra cui quelli della fortunata serie del commissario Bordelli. Altri nomi eccellenti sono attesi per diventare testimonial appassionati e contagiare la città di Pisa con il virus della lettura in biblioteca.

L’iniziativa, che rientra nel programma nazionale Il Maggio dei Libri, sarà presentata ai docenti, ai bibliotecari e a tutte le persone amanti dei libri giovedì 7 maggio, alle ore 17, nella biblioteca dell’Istituto Tecnico Commerciale Antonio Pacinotti, in via Benedetto Croce 34. Gli intervenuti potranno vedere in anteprima i preziosi volumi della donazione Franco, una raccolta che comprende alcune cinquecentine e altri risalenti al ‘600 e al ‘700 che i ragazzi della scuola stanno catalogando sotto la guida della professoressa Licia Luschi.


Il Centro per il Libro e la Lettura, ha presentato al convegno del 5 marzo a Milano, il quarto appuntamento dedicato alla rete dei festival del libro italiani, il portale che riunisce il network delle sessantasei città che organizzano le più interessanti manifestazioni sul libro in Italia. Come ha affermato Flavia Cristiano, direttore del Centro, l’intento è quello di offrire ai visitatori del sito uno sguardo d’insieme sui numerosi festival letterari che animano il nostro paese e rendere così fruibile un’offerta culturale solo in apparenza frammentata. I festival che il portale riunisce insieme hanno un obiettivo in comune, trasmettere alle nuove generazioni la bellezza dei mille volti che la cultura può avere. Flavia Cristiano ha voluto sottolineare come, rispetto ai compiti fissati nel primo incontro delle Città del Libro, tenutosi a Torino nel 2013, un primo obiettivo sia stato raggiunto con la pubblicazione del portale che mette a disposizione del pubblico una banca dati nazionale delle manifestazioni più significative per la promozione del libro e della lettura.

Il portale è un ecosistema dei fatti che riguardano il libro, vale a dire un tessuto di comunicazione e condivisione che perdura anche dopo che la singola manifestazione è terminata, ha dichiarato Romano Montroni, presidente del Centro per il Libro. Ed è proprio in questa direzione che fin dall’inizio ha lavorato il Salone del Libro di Torino, promotore della rete delle città del libro insieme al Centro per il Libro e la Lettura. Al convegno di Milano Rolando Picchioni, presidente della fondazione Salone del Libro di Torino, ha ricordato la nascita del progetto e il primo convegno tenutosi a Torino nel 2013.

Finale esuberante per una giornata così interessante con lo scrittore e attore Alessandro Bergonzoni che con la solita valanga di parole e frasi in caleidoscopio ha augurato lunga vita al portale perché sia un passaggio verso nuovi mondi, così come i libri sono la porta per entrare in altre vite.

Il Centro per il Libro dedicherà alla rete delle Città del libro e al suo portale la sua presenza al Salone internazionale del libro di Torino, dove lo stand del Centro sarà organizzato per offrire al pubblico l’occasione per saperne di più su fiere e festival letterari.


Un festival di editori indipendenti, un festival di grandi autori, di pagine scritte e illustrate, un festival di incontri e di idee.


Pisa Book Festival
Pisa Book Festival

icon-facebook icon-twitter icon-flickricon-flickr

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!